FANDOM


Vedi anche: Specie

La Via Lattea è esistita per diversi miliardi di anni. In quel tempo, innumerevoli specie hanno raggiunto la consapevolezza, forgiato civiltà, esplorato le profondità dello spazio, e quindi si sono estinte. Queste altre specie sono spesso capite a malapena dalla galassia contemporanea, che ha messo insieme pochi dettagli di una manciata di specie antiche attraverso rovine e manufatti.

Specie identificate Modifica

Arthenn Modifica

Gli arthenn prosperarono su molti pianeti nel sistema Zelene circa 300,000 anni fa. Il loro pianeta natale sembra essere stato Helyme, un pianeta morto dove tutta la vita complessa è stata spazzata via da un cataclisma sconosciuto. Il terzo pianeta nel sistema, Epho, è stato sfruttato o comunque colonizzato prima che questi insediamenti venissero spazzati via da impatti cinetici. Il gigante gassoso esterno al sistema, Gaelon, era la posizione di una complessa infrastruttura di estrazione di elio-3. I materiali alla deriva suggeriscono che la tecnologia degli arthenn era paragonabile a quella galattica attuale.

Densorin Modifica

I densorin erano una specie esistita al tempo dei Prothean. A un certo punto, combatterono una guerra contro gli oravores. Quando i Razziatori invasero la galassia, i densorin cercarono di placarli sacrificando i propri giovani, ma questo permise solo ai Razziatori di distruggere i densorin più velocemente. I densorin sono conosciuti per aver studiato le meccaniche celesti e simulazioni morfologiche del linguaggio galattico, argomenti oltre le capacità persino per i Prothean.

Inusannon Modifica

Gli inusannon erano una specie capace di viaggiare nello spazio esistita almeno 127,000 anni fa. Si sa ben poco su di loro tranne che erano in guerra con un'altra specie, i thoi'han, per i diritti di colonizzazione del pianeta giardino Eingana, e che a un certo punto abitarono Ilos. Gli inusannon furono infine spazzati via dai Razziatori. Diecimila anni fa, le rovine della civiltà degli inusannon fornirono ai Prothean le conoscenze necessarie a sviluppare la tecnologia a campi di forza.

Oravores Modifica

Gli oravores erano una specie capace di viaggiare nello spazio esistita al tempo dei Prothean. Quando attaccarono il pianeta natale delle asari, Thessia, per prendere il controllo delle sue vaste risorse, i Prothean li fermarono. Questo evento sarebbe poi stato ricordato nella mitologia asari come quando la dea Athame brandì la sua spada contro gli dei gelosi che minacciavano le asari. Gli oravores combatterono anche una guerra contro i densorin.

Thoi'han Modifica

Si sa ben poco sui thoi'han tranne che combatterono con gli inusannon per i diritti di colonizzazione del pianeta giardino Eingana 127,000 anni fa. I relitti delle navi spaziali di entrambe le specie hanno devastato il pianeta.

Zeioph Modifica

Gli zeioph erano un'antica specie capace di viaggiare nello spazio che costruì milioni di elaborate cripte sulla superficie del pianeta Armeni. Gli scavi archeologici di queste cripte sono stati proibiti dalle leggi del Consiglio della Cittadella.

Zha'til Modifica

Gli zha'til erano una specie sintetica esistita al tempo dei Prothean. Vennero creati quando una specie nota come gli zha si impiantò con tecnologia IA simbiotica per potenziare la propria intelligenza in modo da sopravvivere in quanto il loro mondo natale era diventato inospitale. Quando i Razziatori arrivarono, soggiogarono le IA, conosciute come zha'til, che quindi presero il controllo dei corpi dei loro padroni e alterarono il loro materiale genetico a livello molecolare, trasformando gli zha in mostri sintetici e la loro progenie in schiavi. Gli zha'til procedettero a moltiplicarsi in "sciami meccanici" che "oscurarono i cieli". Senza altre soluzioni, i Prothean trasformarono la stella del sistema natale degli zha in una supernova, distruggendo completamente gli zha'til.

Altre specie identificate Modifica

Il Prothean Javik menziona brevemente diverse specie capaci di viaggiare nello spazio esistite al tempo dell'Impero Prothean 50,000 anni fa.

  • Ditakur - Gli aggressivi ditakur spazzarono via i synril.
  • Enduromi - Gli enduromi conquistarono i vandomar.
  • Synril - I synril affermavano di aver trovato la via per la pace eterna, ma furono annientati dai ditakur.
  • Vandomar - I vandomar furono conquistati dagli enduromi.

Specie non identificate Modifica

Molte antiche specie scoperte in tutta la galassia sono ancora meno comprese. Mentre le rovine e i manufatti che hanno lasciato possono dare indizi sulla loro biologia o il loro progresso tecnologico, in molti casi le origini e addirittura i nomi di queste specie sono ignote. Queste specie non identificate sono elencate qui per i pianeti su cui sono state scoperte.

433 Spidau Modifica

Mappato nel 2185 da una nave spaziale mineraria che esplorava la Distesa di Nubian, il pianeta 433 Spidau era precedentemente abitato da una specie senziente che si distrusse con una guerra nucleare circa 1,000 anni fa. Le scansioni mostrano le rovine di oltre novanta città sul pianeta che sono ancora radioattive. Prima di questa scoperta, la galassia contemporanea conosceva altre sei specie che morirono allo stesso modo in conflitti con armi nucleari.

Alpha Centauri Modifica

All'inizio del 2186, un gruppo di esploratrici asari scoprì una specie aliena primitiva su un pianeta non identificato nel sistema Alpha Centauri. Mentre stavano monitorando la specie, le asari caddero in un'imboscata tesa dai coloni umani della perduta colonia di Manswell Expedition del 2070.

Anjea Modifica

Le scansioni del gigante ghiacciato Anjea hanno rivelato un gran numero di oggetti cavi e privi di energia, tutti delle stesse dimensioni. Delle "vele" o "ali" sembrano mantenere gli oggetti sospesi nell'atmosfera di Anjea. Benché siano troppo in profondità per essere studiati direttamente, molti xenoarcheologi credono che siano delle "bare" di un'antica civiltà che usava il pianeta come "cimitero".

Aphras Modifica

Un tempo Aphras era abitato da specie avicole e terrestri nella sua età del bronzo, prima che una serie di impatti vaporizzassero i centri abitati e uccidessero gran parte della flora e della fauna. Oggi, tuttavia, le uniche forma di vita sul pianeta sono degli organismi unicellulari che vivono negli oceani. Da notare che anche il pianeta gemello di Aphras, Tosal Nym, è stato devastato da impatti simili a quelli su Aphras; tuttavia, si ritiene che Tosal Nym non sia stato abitato da niente di più complesso della vita marina invertebrata.

Bothros Modifica

I resti di una civiltà di creature simili a primati capaci di viaggiare nello spazio sono stati scoperti sul pianeta ghiacciato e roccioso di Bothros. Mentre le origini di questa specie sono ignote, è stato confermato che i centri abitativi della specie su Bothros furono distrutti da bombardamenti orbitali. I manufatti trovati sul pianeta spaziano da frammenti di metallo fuso a resti congelati di membri della specie con ancora addosso le tute per le attività extra-veicolari.

Carcosa Modifica

Carcosa era considerato un pianeta-serra di scarso interesse prima che una spedizione asari trovasse delle rovine sulla sua arida superficie. L'edificio in questione, forse sede di un'antica città, risale a oltre 2,7 milioni di anni fa. L'unica zona rimasta intatta sembra essere una sala del trono, affacciata su una depressione che un tempo doveva essere un vasto specchio d'acqua.

È stato dimostrato come la civiltà di Carcosa avesse inquinato il pianeta fino a renderlo inabilitabile, innescando un effetto serra fuori controllo che cancellò qualsiasi fonte d'acqua potabile.

Chasca Modifica

Un pianeta semi-abitabile altrimenti insignificante, Chasca possiede degli anelli di piccoli frammenti di materiale sintetico. Gli anelli sono quasi invisibili dallo spazio, ma dalla superficie catturano e diffondono la luce in modo suggestivo. Non si sa chi abbia realizzato questo esempio di "opera d'arte aliena", o perché.

Cyllene Modifica

Una stazione automatizzata di rifornimento per l'elio-3 orbita intorno al gigante gassoso Cyllene. La lontananza del sistema Phi Clio dal più vicino portale galattico e la struttura antiquata della stazione di rifornimento suggeriscono che il sistema sia stato scoperto da qualcuno che non era passato attraverso il portale, ma che l'aveva trovato durante un'esplorazione iperluce indipendente. Questa stessa specie potrebbe aver costruito le stazioni geotermiche e solari trovate sull'unico altro pianeta del sistema, Parnassus.

DC1938 Modifica

DC1938 era un piccolo pianeta giardino che orbitava intorno alla supergigante rossa SM2183 Rua ed era la patria di una specie capace di viaggiare nello spazio che usava strutture cristalline nella loro tecnologia. Il pianeta è stato distrutto quando il suo nucleo di uranio collassò su se stesso, un raro fenomeno chiamato fusione del nucleo. Si ritiene che più di cinque miliardi di abitanti siano stati uccisi nella catastrofe. L'unico superstite conosciuto, un neonato, fu salvato dall'incrociatore umano MSV Kent e portato nell'Ammasso Locale per le cure mediche.

Etamis Modifica

Un tempo un pianeta giardino abitabile, Etamis è ora completamente deserto: gli oceani sono completamente asciutti e l'atmosfera è scomparsa. I segni regolari dei crateri sulla superficie sono la prova che Etamis è stato bombardato da armi cinetiche di una corazzata. I reperti trovati su Etamis mostrano che un'avanzata specie capace di viaggiare nello spazio visse lì tra i 20 e i 40 milioni di anni fa. Non è chiaro se Etamis fosse il pianeta natale di tale specie oppure una colonia.

Farcrothu Modifica

Farcrothu è un gigante gassoso idrogeno-elio standard noto solo per le sue lune. Molte di esse, infatti, sono state scolpite in modo da rappresentare le sembianze di una specie aliena artropode sconosciuta al Consiglio. La datazione radiometrica indica che queste "opere" risalgono a circa mezzo milione di anni fa.

Gamayun Modifica

La più esterna delle sei lune del gigante gassoso Gamayun, Gigula, è il sito di un relitto ben conservato di un'antica nave aliena. Finora, l'unica informazione rilasciata al pubblico sulla nave è che la sua struttura interna indica che la specie che l'ha costruita era sviluppata in senso orizzontale.

Joab Modifica

Joab era in origine abitato da una specie di esseri simili a primati capaci di viaggiare nello spazio. Questa specie è stata spazzata via migliaia di anni fa quando tutti i centri abitati furono polverizzati da un massiccio bombardamento orbitale. La conseguente coltre di polvere uccise tutta la vita fotosintetica e la fauna che da essa dipendeva. Gli studiosi contemporanei sono a conoscenza della civiltà di Joab solo grazie alla scoperta di capsule temporali sepolte dalla specie fuori dalle loro città.

Junthor Modifica

Una tempo, Junthor era una colonia di un'antica specie capace di viaggiare nello spazio. Le rovine della civiltà di questa specie, che consiste in arcologie e altre megastrutture, sono ancora in piedi a un sito vicino all'equatore di Junthor. Una colonna al centro delle rovine era ricoperta di elaborate iscrizioni che sono state un enigma per secoli. Quando furono decifrate da linguiste asari, le scritte recitavano solo, "Attraversate queste opere e ammirate la nostra grandezza." Inquietanti incisioni sul lato opposto della colonna recitano, "I mostri interiori."

Mnemosyne Modifica

In orbita intorno a Mnemosyne c'è il relitto di un Razziatore. Cerberus stima che 37 milioni di anni fa, questo Razziatore fu disabilitato da un proiettile ad accelerazione di massa sparato da un'arma costruita da una specie ignota capace di viaggiare nello spazio.

Namakli Modifica

Antichi dipinti murali su Namakli mostrano una specie antropoide venerare i Leviatani.

Siano Modifica

L'emisfero rivolto al sole del pianeta extrasolare Siano mostra i resti di un antico complesso di strutture artificiali a nord. Situati sul lato opposto ci sono dei bunker di rifiuti radioattivi apparentemente prodotti da primitivi impianti di fissione. Non è chiaro se le strutture fossero costruite su Siano prima o dopo che entrasse nel sistema Dirada milioni di anni fa.

Vecchio Modifica

I resti scheletrici mal conservati di un'antica specie umanoide, insieme a cocci di primitivi oggetti in ceramica, furono scoperti in sepolcri nascosti tra le montagne equatoriali di Vecchio. Gli studiosi si interrogano su chi avesse viaggiato sull'inospitale Vecchio, dal momento che il più vicino pianeta giardino, Volturno, non ha dato origine a forme di vita intelligenti.

CuriositàModifica

  • DC1938 è un riferimento a Superman. Il nome del pianeta si riferisce all'editore del fumetto di Superman (DC Comics) e l'anno in cui debuttò il fumetto (1938). DC1938 assomiglia al pianeta natale di Superman, Krypton. Entrambi orbitavano intorno a stelle rosse e una volta erano abitati da specie capaci di viaggiare nello spazio che usavano strutture cristalline nella loro tecnologia. Entrambi i pianeti sono stati distrutti quando il loro nucleo radioattivo innescò una reazione a catena, con solo un neonato sopravvissuto e recuperato dagli umani. Il nome della nave che salvò l'unico sopravvissuto di DC1938 (la MSV Kent) è un riferimento al cognome adottivo di Superman sulla Terra (Kent).
ME1 Council Legion of Merit Specie ME1 Council Legion of Merit
Specie della Cittadella AsariCustodiDrellElcorHanarSalarianTurianUmaniVolus
Specie esterne alla Cittadella Alieni VirtualiBatarianCollettoriGethKroganLeviataniQuarianRaloi
RazziatoriVorchaYahg
Storiche ProtheanRachniAltre specie storiche
Andromeda AngaraKettJardaanRelictum

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale