FANDOM


Mass Effect: Evolution è una mini-serie a fumetti da quattro numeri che approfondisce le origini dell'Uomo Misterioso e dell'organizzazione che si batte per la sopravvivenza dell'umanità, Cerberus. La storia comincia durante la Guerra del Primo Contatto tra umani e turian.

La serie è pubblicata da Dark Horse Comics, è creata dallo scrittore principale di Bioware Mac Walters, sceneggiata da John Jackson Miller, e disegnata da Omar Francia, con contributi dal copertinista Massimo Carnevale. Una copertina alternativa per ogni numero è stata creata da Joe Quinones. La serie è stata annunciata inizialmente il 15 Luglio 2010,[1] ed il primo numero è stato rilasciato il 19 Gennaio 2011. Il 21 Settembre 2011, la Dark Horse ha rilasciato un libro in brossura che raccoglie tutti e quattro i numeri insieme a Mass Effect: Incursion e Mass Effect: Inquisition.[2]


Storia Modifica

Numero 1 Modifica

  • Data di pubblicazione: 19 Gennaio 2011
  • Tagline: La fine dell'universo... comincia con un uomo.
Copertina del Numero 1: versione di Carnevale
Dopo che gli umani cominciarono a viaggiare nello spazio utilizzando i portali galattici, si stabilirono su alcune colonie, ma non hanno mai ritenuto di aver bisogno del permesso di qualcuno per usare i portali. Sulla colonia di Shanxi, gli umani stanno pagando il prezzo della loro presunzione con un'invasione su vasta scala da parte dei turian. L'esercito dell'Alleanza è in piena ritirata ed i turian rivolgono la loro attenzione nell'eliminare ogni traccia degli intrusi. Tuttavia, non si rendono conto che non tutti i soldati umani indossano delle uniformi. Un trio di mercenari umani, Jack Harper, Ben Hislop, ed Eva Coré, stanno seguendo una pattuglia di sette turian. Quindi gli tendono un'imboscata. Dopo qualche scontro ravvicinato, Ben si ritrova a lottare con un turian. Jack colpisce quindi il turian sulla testa e lo prendono come prigioniero. Ben carica il turian solo per essere tirato via da Jack che gli dice di allontanarsi poiché le informazioni che il turian potrebbe possedere andrebbero perse se venisse ucciso. Ben si scusa per le sue azioni, originate dal vedere suo fratello e gli insediamenti spazzati via. Jack risponde dicendo che è per questo che si è unito alla causa e se vuole solo uccidere i turian dovrebbe entrare nell'esercito.

Appena finiscono di parlare, Jack nota un M35 Mako fermarsi, e nota come abbiano sempre un tempismo perfetto. Uno dei soldati esce fuori e chiede chi dei tre sia Jack e che "l'uomo" lo vuole vedere al quartier generale subito. Al prigioniero viene detto di stare nel retro. Il turian catturato osserva che se gli umani stanno facendo ricorso ai mercenari, allora le cose sono andate davvero male. Jack gli dice che sono specialisti, ma che non sono affari suoi. Jack quindi tira fuori un dispositivo e chiede se sia un comunicatore. Il turian risponde che questi non sono affari suoi ma dice che probabilmente non riusciranno comunque a capirlo. Jack controbatte dicendo che potrebbero sorprenderlo.

In seguito, al quartier generale del Generale Williams, Williams dice a Jack che l'Alleanza si sta ritirando alla Stazione Arcturus perché nessuno ha più la volontà di combattere i turian. Jack ribatte che il suo gruppo e Williams hanno ancora la volontà di combattere e combatteranno. Williams dice quindi che Jack è l'unico che può scoprire cosa stanno facendo i turian. Jack dice che andranno nei luoghi che non sono mai stati colonizzati, o sono stati abbandonati per un po'. I turian stanno conducendo dei processi di ricerca, alla ricerca di qualcosa, ma il Comando dell'Alleanza dice che non hanno trovato nulla, ma poiché i turian stanno ancora cercando deve esserci qualcosa. Jack dice che possono finire il lavoro in venti ore ed Eva richiede il VTT sul fronte.

Mentre guidano verso il fronte, Jack e gli altri interrogano il turian che hanno catturato, che rivela che il suo nome è Desolas, e dice che se venisse rilasciato potrebbe essere misericordioso se lo riportano dalla sua gente. Jack fa notare che sa che il turian sia un generale e che il dispositivo che gli hanno preso in precedenza punta verso il suo campo, al che Desolas ribatte dicendo che i turian hanno sottovalutato l'intelligenza degli umani. Desolas dice che il suo tenente è in attesa con un numero superiore di soldati e dice loro di fuggire finché possono. Desolas sottolinea che gli umani, come nuovi arrivati, vogliono tutto ma gli rivela un segreto, che altri abitavano la galassia prima di loro, che gli umani non sono i benvenuti e che i turian non daranno all'umanità nemmeno un chilometro del loro pianeta. Jack dice che è il momento di dividere e conquistare.

Al campo turian, che si trova all'ombra di una nave turian schiantata, uno degli ufficiali dice al Tenente Abrudas che i ricercatori hanno trovato la reliquia e l'hanno trasferita in una rete di caverne a cinque chilometri ad ovest. Il Tenente è arrabbiato in quanto avrebbero potuto risparmiare del tempo di ricerca, e prende il suo comunicatore per contattare Desolas, tuttavia, lui la contatta per primo. In una trasmissione statica Desolas dice che è fuggito dagli umani e le dice di incontrarlo ad un chilometro a est. Abrudas gli dice che hanno trovato il carico ma Desolas le dice di non potersi muovere, quindi Abrudas prende una squadra per recuperare il generale mentre il resto si muove verso l'obiettivo.

Copertina del Numero 1: versione di Quinones
Dopo un po' di tempo, Abrudas raggiunge l'obiettivo e mentre si lamenta dei ricercatori e del tempo che hanno perso, la squadra cade in un imboscata tesa da Jack, i suoi compagni e il loro VTT, con grande sorpresa dei turian. All'interno del VTT, Desolas dice a Jack che è stato "uno stratagemma infantile", ma Jack commenta che è stato abbastanza buono "per un umano". Jack e il resto della sua gente legano i turian. Allo stesso tempo, Jack e Desolas discutono su ciò che è successo e come ci sia stato un forte dispiegamento di forze per una semplice operazione di recupero, e che Desolas non dà l'impressione di essere un generale comune. Desolas avverte Jack dicendo "fai attenzione a cosa cerchi, umano. Potresti trovarlo."

Alle caverne, Jack e gli altri tendono un agguato ai turian rimanenti, e dopo averli minacciati con la cattura del loro Generale, del loro Tenente e del grande cannone montato sul loro VTT, Desolas dice ai suoi uomini di ritirarsi. Dice che il loro momento arriverà e fino ad allora, "lasciate che l'umano soddisfi la sua curiosità." A quanto pare, anche lui è curioso di vedere cosa Jack troverà. Mentre Jack e Ben si dirigono nelle caverne, Eva chiede cosa fare se i turian le causeranno problemi. Jack dice di investirne qualcuno ma di restare alla radio. Man mano che avanzano nelle caverne, Ben dice che Eva si preoccupa per loro, ma Jack gli dice che si preoccupa più per Ben stesso. Mentre continuano la discussione riguardo Ben ed Eva, Jack vede qualcosa più avanti.

All'interno c'è un grande oggetto al centro della stanza, con catene luccicanti che si estendono da esso. Jack fa notare che è stato chiaramente trascinato qui, ma Ben inizia sottolineare che ci sarebbero voluti dei mostri per spostarlo. Prima che Ben possa finire la sua affermazione, i due vengono colti di sorpresa da creature che indossano delle tonache e Ben viene steso a terra. Mentre una delle creature solleva Ben in aria, Jack apre il fuoco e Ben viene gettato a terra. Ben commenta del fatto che le informazioni sono la priorità, ma Jack dice "non questa volta" e continua a sparare, divenendo frustrato del fatto che le creature non muoiano.

Alla fine le creature muoiono, ma entrambi gli umani sono scioccati dalla quantità di proiettili necessari ad abbatterle. Jack quindi avanza e tira via uno dei cappucci che mostra un turian che ha parti del viso sostituite da impianti cibernetici. Jack cerca di contattare via radio il Generale Williams ed Eva, ma c'è troppa interferenza. Ben comincia a camminare verso l'oggetto dicendo che potrebbe essere la causa e che potrebbe esserci un modo per spegnerlo. Jack dice a Ben di aspettare ma questi si avvicina troppo e il dispositivo invia una scarica di energia che colpisce Ben. Jack corre per salvare il suo amico, ma è troppo tardi. Mentre anche Jack viene colpito dall'energia tramite il corpo di Ben, entrambi cadono a terra mentre una voce li chiama. Eva si precipita nella stanza, i suoi vestiti sono lacerati ed è senza fiato, dice che i turian le sono spuntati dietro quando hanno visto le luci venire dalla caverna. Mentre Jack chiede cosa sia successo, una voce dice che è ciò che gli piacerebbe sapere. Eva si gira per vedere un grosso turian in piedi sopra di loro, con altri turian armati sullo sfondo, che gli dice che andranno con loro e dice agli altri di prendere il corpo di Ben per la dissezione. Conclude dicendo "Ci hai studiati -- ora è il nostro turno di studiare te"

Numero 2 Modifica

  • Data di pubblicazione: 16 Febbraio 2011
  • Tagline: È il più feroce difensore dell'umanità... ma è ancora umano?
Copertina del Numero 2: versione di Carnevale
Jack Harper si risveglia da uno strano sogno a bordo di una nave spaziale turian. Jack è sorpreso di trovarsi a bordo di una nave turian, quindi scopre di essere bloccato. I turian nella stanza gli dicono di calmarsi in quanto i blocchi sono presenti non solo per la sua protezione ma anche per la loro. Jack quindi sente Eva e vede lei ed un turian entrare. Il turian ordina che Harper venga liberato dai blocchi ed Eva dice ad Harper che entrambi sono prigionieri e che lui è stato in coma per settimane. Jack chiede di Ben, ed Eva dice che è morto folgorato a causa del dispositivo. Eva dice che anche lui è quasi morto. Jack chiede quindi dove sia Ben, ma Eva dice che Desolas li ha divisi e non ha idea di dove si trovi. Il turian nella stanza dice che tutto ciò che sembrava essere accaduto a Ben ha lasciato inalterato Harper, il quale è in perfetta salute per quanto possano sapere.

Harper quindi si gira verso il turian e chiede il suo nome. Il turian si presenta come Saren, dicendo che Desolas è suo fratello e che Jack ed Eva dovrebbero ringraziare quest'ultimo per non averli lasciati a morire. Eva ribatte dicendo che li stanno portando ad un campo di prigionia su Palaven chiedendo quindi perché dovrebbero essere grati. Saren tuttavia ribatte a ciò dicendo che Eva è una canaglia, avendo quasi ucciso tre guardie mentre attendeva e che lei si sbaglia..."su un sacco di cose". Jack ed Eva quindi notano che si stanno avvicinando alla Stazione Arcturus e Jack chiede quanto tempo è stato KO. Saren lo informa che è stato per abbastanza perché la guerra è finita e li stanno riportando a casa.

A bordo della Stazione Arcturus, il Generale Williams sta accogliendo Desolas, o Generale Arterius, quando questi arriva nella baia d'attracco. Desolas dice di essere dispiaciuto di non essersi adeguatamente presentato su Shanxi, ma il Generale stava fuggendo in quel momento quindi ha presunto che fosse impegnato. Williams gli ricorda che l'Alleanza ha ripreso il pianeta, quindi rivolge la sua attenzione sulle dimensioni della sua scorta. Desolas gli ricorda che non sa tutto dei turian e se il Consiglio della Cittadella non fosse intervenuto lo avrebbero scoperto. Williams dice che il cessate il fuoco non è stata una sua idea e che se Desolas vuole combattere, è felice di fargli questa cortesia, e se non è questo il caso chiede di avere indietro la sua gente. Desolas afferma di essere divertito dal fatto che Williams scambierebbe molti turian per soli due agenti, per giunta dei mercenari. Eva quindi carica Desolas, Jack prova a dirle di non farlo ma lei lo placca prima di essere tirata via da Saren. Eva grida a Desolas per non aver aiutato Ben, ma Desolas la ignora e dice a Saren di essere attento con lei perché anche se gli umani possono ringhiare come i varren, sono fragili. Saren afferma che doveva fare qualcosa perché le sue nuove guardie del corpo non sono di grande utilità. Desolas afferma che hanno il loro scopo ma devi sapere come comunicare con loro. Desolas si gira quindi verso uno di essi e comincia a parlare in una lingua che Jack sembra comprendere. Desolas lo nota e si gira con uno sguardo inquisitorio, ma poi riporta la sua attenzione sul Generale Williams. Ricorda a Williams che l'attacco di Eva è una violazione del protocollo del trattato e che dovrebbe riportare indietro i prigionieri finché un'alta autorità sia in grado pronunciarsi in merito. Williams ribatte dicendo che li ha tenuti prigionieri per abbastanza tempo e gli dice di andarsene dalla stazione.

Più tardi, nell'infermeria, Williams sta parlando con Jack e afferma di non sapere perché Desolas voleva improvvisamente esaminarlo di nuovo. Williams afferma anche che Jack ha l'energia vitale di un cadetto del primo anno e che qualunque cosa abbia fatto il dispositivo, sembra che fosse innocuo. Jack ribatte dicendo che Ben non sarebbe stato d'accordo su questa affermazione. Williams si scusa e dice che Ben era un bravo ragazzo, continua dicendo che ha lasciato molti bravi ragazzi laggiù. Afferma che ora l'Alleanza vuole che si comportino bene con i turian, anche se erano sul punto di vincere, solo per ingraziarsi "questa combriccola della Cittadella". Jack chiede se ci siano altri alieni e Williams continua dicendo che è il denaro a parlare e che è la via del futuro. "La coabitazione con le specie autoctone per dare vita a reciproci interessi" è ciò che indica l'Alleanza. Williams quindi menziona le sue dimissioni ma poi dice a Jack di non fare lo stesso. Jack dice che non può, non dopo ciò che ha visto, e afferma che il manufatto è connesso a quelle cose, quei turian che hanno visto prima. Jack quindi dice che ha sentito le guardie di Desolas dirgli che sono state chiamate a tornare al dispositivo. Williams nota che, dal momento che Jack può capire cosa stavano dicendo, forse può scoprire altro e gli lascia prendere la sua navetta personale, sempre che Jack riesca a tenere Eva lontana dalla fusoliera.

Copertina del Numero 2: versione di Quinones
Nell'hangar, Eva chiede perché il Generale stia dando loro la sua navetta. Jack dice che era stata data al Generale e che pensava avrebbe rallegrato Eva. Mentre i due stanno salendo la rampa d'imbarco, Eva afferma di non aver pilotato qualcosa di bello nemmeno la metà quando Jack sviene sulla rampa. Eva si precipita al suo capezzale e dice che sapeva che era troppo presto per andare da qualche parte. Jack ribatte che loro due, e soprattutto lui, non possono più aspettare. Lui afferma di aver avuto delle visioni e dei mal di testa da quando si è risvegliato. Eva chiede su cosa siano le visioni e Jack dice che riguardano l'oscurità, il futuro, e che è tutto collegato a quel manufatto. Afferma che è per questo che sta andando, per scoprire cosa sta succedendo. Eva, tuttavia, chiede dove possano andare dato che non sanno dove sia stato portato. Dice che potrebbero averlo portato su Palaven, ma ora non possono andare lì. Jack quindi ribatte dicendole che devono andare su Illium.

Dopo diversi salti tra i portali, Eva afferma che non ha senso e che deve essere impazzita per essersi avvicinata così tanto ai Sistemi Terminus. Non ci sono stati abbastanza umani che hanno visto Illium per creare una band. Jack ricorda ad Eva che lei pensava che lui stesse morendo, che ora si sente molto meglio e che se Eva vuole sparare a Desolas, questa è la sua occasione. Jack dice che il manufatto si trova su Illium, e non può pensare che Desolas vada da qualche parte senza esso.

Dopo lo sbarco su Nos Astra, Eva si gode la vista, e sulla base di ciò che vede, si chiede quando gli umani riusciranno a mettersi al passo. Jack la calma dicendole di non preoccuparsi e che gli umani lo faranno presto. Ricorda ad Eva della Terza legge di Clarke. La tecnologia avanzata ha solo l'aspetto della magia e se lo ricordano non avranno nulla da temere. Eva quindi chiede a Jack di cosa abbia paura e perché si trovano su Illium, e lui replica di avere paura che quella tecnologia possa essere magica.

Tempo dopo, Jack sta parlando con diverse asari nella loro lingua madre mentre Eva osserva. Quando Jack ritorna, Eva chiede come riesca a parlare loro in lingua asari. Jack chiede in quale altro modo dovrebbe comunicare con loro, al che Eva ribatte dicendo che dovrebbe usare una lingua che conosce effettivamente. Jack resta perplesso per un secondo, ed ammette ad Eva che è capitato improvvisamente, non sa il perché o cosa fare al riguardo. Jack quindi indica un'astroauto e dice che sono per un uso pubblico e che ha voglia di provare un modello straniero. Eva dice che dovrebbe essere lui a guidare, Jack è d'accordo.

Durante il volo, Jack comincia ad esaminare l'Extranet locale alla ricerca di informazioni sulla reliquia di Shanxi. Eva chiede perché non avrebbero portato qualcosa del genere direttamente su Palaven a cui Jack replica dicendo che è per lo stesso motivo per il quale hanno tenuto la reliquia a bordo di una nave per così tanto tempo. È una tecnologia sconosciuta e sospetta che i turian non ne sappiano più di loro. Jack continua dicendo che sanno che è pericolosa e che Eva ha visto ciò che ha fatto a Ben. Eva quindi prova a parlare a Jack, ma lui la ignora e continua a cercare e dice che potrebbe essere un'arma, il che spiegherebbe perché non la volevano troppo vicina a Palaven e l'hanno portata su Shanxi per studiarla. Eva cerca nuovamente di interromperlo ma Jack continua dicendo che forse è per questo che non voleva che gli umani andassero lì. Quindi trova le informazioni che stava cercando e chiede ad Eva cosa scommetterebbe per dire che i turian li stanno cercando.

Quando raggiungono la loro destinazione, Eva menziona le sue sensazioni riguardo alla zona, in quanto non è sicura. Jack dice che la maggior parte della città è sorvegliata, quindi Desolas vuole probabilmente starne alla larga. Jack dice che è probabilmente così e che potrebbero catturarlo per studiarlo, ma scommette di poter intrappolare un turian e quindi scoprire cosa sta succedendo. Tuttavia, prima che Jack possa finire la frase, Saren tende loro un agguato con le guardie del corpo di Desolas. Jack tira Eva fuori dalla linea di fuoco, quindi scambia dei colpi prima di prendere copertura. Saren non è sorpreso di vederli, dice che Desolas aveva detto che sarebbero arrivati. Afferma che Jack è stato colpito dall'Arca Monolito in misura maggiore di quanto abbia mostrato, e che hanno altri test da eseguire.

Saren ordina alle guardie di prendere Jack, ma lui ed Eva corrono tra i corridoi mentre vengono inseguiti da una delle guardie. Scambiano dei colpi con quest'ultima, che risponde al fuoco lanciandogli contro degli oggetti. Eva chiede a Jack cosa siano questi esseri, ma quando prova a dirle qualcosa la guardia lo afferra per il collo. Eva si prepara a colpire la testa della guardia con il calcio della sua pistola quando Jack le dice di non farlo. Il cappuccio della guardia si abbassa rivelando il volto di Ben, che ha dei potenziamenti.

Numero 3 Modifica

  • Data di pubblicazione: 23 Marzo 2011
  • Tagline: Far scattare la trappola... facendosi scoprire!
Copertina del Numero 3: versione di Carnevale
Jack Harper sta ricordando il suo primo incontro con Ben Hislop. Jack descrive Ben come un giovane sfacciato, appassionato ed esperto di munizioni. Un tipo perfetto per il suo movimento pro-umani. Ben divenne presto il braccio destro di Jack, ed è stato importante anche per Eva in modi dei quali Jack non ha mai chiesto. Eppure, prima di tutto, ricorda l'uomo, non il mostro che è diventato.

Tornando al presente, Ben tiene ancora Harper per la gola ed Eva sta ancora supplicando Ben di lasciarlo andare. Le sue suppliche vengono ripetute da Saren, che ha raggiunto il gruppo, e anche a costo di essere catturato, Jack urla ad Eva di scappare. Eva riesce a saltare su una scala e cerca ancora di stabilire un contatto con Ben chiedendogli se si ricorda di lei. Ben risponde in un linguaggio criptico ed Eva estrae la sua pistola, promettendo a Ben che sparerà alle persone che gli hanno fatto tutto ciò. Tuttavia, prima che possa finire la frase, Ben distrugge la scala, facendo cadere Eva con essa. Dopo che Ben si è fatto largo tra le macerie, trova Eva, ed in un momento di chiarezza la riconosce e pronuncia il suo nome. Saren, tuttavia, interviene dicendo a Ben di portare Eva al trasporto "ORA!" La chiarezza si placa e Ben trascina il corpo privo di sensi di Eva al trasporto.

A bordo del trasporto di Saren, Jack è ancora una volta legato ad una sedia da interrogatorio. Jack suppone che verrà studiato e se i turian lo lasceranno andare, mostrerà loro di cosa è fatto davvero un umano. Desolas ribatte dicendo che conoscono tutto ciò che hanno bisogno di sapere sulla biologia umana dallo studio dei cadaveri umani su Shanxi, ma questo non è ciò di cui sono interessati. Desolas continua dicendo che è Jack stesso ciò a cui sono interessati adesso. Harper quindi dice che se ciò è vero allora chiede che venga rilasciata Eva. Desolas rifiuta e spiega che hanno bisogno di Eva come base per comprendere cosa c'è di diverso in Jack. Desolas quindi punta verso Ben e dice che lui è diverso, e che Harper è stato colpito dal manufatto come Ben, ma Jack è molto diverso da Ben, quindi è curioso di capire il perché. Eva, ora cosciente, dice a Desolas che è accaduto a causa di qualcosa che ha fatto ed è colui che ha trasformato Ben in un mostro. Desolas dice di non aver fatto niente, quindi chiede a Ben di parlare per se stesso, mentre può ancora farlo.

Ben comincia a parlare e dice a Jack che non è stato a causa dei turian, ma è il manufatto che lo ha cambiato. Dopo averlo toccato, i turian lo hanno creduto morto, ma quando in seguito hanno tentato di spostare il manufatto, si è risvegliato. Eva chiede se si tratti di una resurrezione, e Desolas dice che non è così lontana dalla soluzione. Dice che la stessa cosa è accaduta ai loro ricercatori. Si rifiutavano di abbandonare il manufatto, e Ben, essendo uno di loro, come gli altri ora lo serve. Desolas quindi dice a Jack ed Eva, insieme con Ben, stanno per essere i primi umani a mettere piede su Palaven, il pianeta natale dei turian.

Solo poche settimane prima, l'Alleanza avrebbe dato tutto per avere degli agenti sul pianeta segnato dalle radiazioni. Tuttavia, i turian riuscirono a sopravvivere e prosperare sul pianeta. Mentre la nave atterra e mentre un generale che ritorna da una situazione di stallo non si aspetterebbe un benvenuto da eroe, Desolas sa che durante i tempi di pace l'immagine è tutto. Mentre esce dal veicolo, dice alla gente di Palaven che è ritornato. Desolas è apparentemente il primo generale a parlare alla gente da quando il Consiglio ha mediato per l'accordo di pace, e ciò non è una sorpresa in quanto nessun turian vuole ammettere che esista un nemico che non può essere sconfitto. Desolas dice che non ammetterà tale cosa, ma assicura che i turian che sono morti nella guerra non sono morti invano. Procede a presentare i suoi servi, travestiti da Sacerdoti Valluviani dalla leggenda turian. Desolas continua dicendo che per secoli, nessun turian è stato degno di indossare il mantello ed il cappuccio dell'ordine, e a nessuno è stato permesso di entrare nel Tempio di Palaven.

Mentre il gruppo scende dalla rampa dove la loro nave è atterrata, dice che i turian presenti sono tornati dal campo di battaglia con onore e che la loro fede ed il loro spirito combattivo li ha trasformati. Su Shanxi, Desolas dice di essere stato scelto da loro per aiutarli nella loro missione, o Santa Ricerca, per tornare su Palaven, riaprire il tempio e condividere la saggezza dei secoli con il popolo turian. Desolas quindi dice che come i suoi fratelli, i "sacerdoti", mentre prima li hanno condotti alla guerra, ora promuovono la pace. Conclude dicendo che si unirà a loro nel tempio dove nel passato, troveranno un grande futuro per il popolo turian. Mentre la gente esulta, Jack, nascosto dalle guardie, dai "sacerdoti" e da Desolas, commenta su come Desolas sappia mettere su uno spettacolo e come abbia vestito i suoi mutanti per un massimo effetto. Eva, di fianco a Jack, dice che Desolas ambisce sicuramente a qualcosa, poiché non li ha fatti sfilare in catene di fronte alla folla. Jack ribatte dicendo che il Consiglio non approverebbe, e non lo farebbero nemmeno i leader turian. Jack continua dicendo che non sarebbe sorpreso se Desolas diventasse egli stesso un leader turian. Harper conclude dicendo che Desolas è un militare che ha trovato la religione nel momento in cui ha trovato un dispositivo che crea super soldati, e potrebbe funzionare se tutti danno ascolto all'inganno.

Più tardi al Tempio, Saren e Desolas stanno discutendo dei problemi. Desolas è infastidito dal fatto che Saren sia venuto e chiede cosa voglia questa volta. Saren gli dice che i loro turian "evoluti" si sono rifiutati di spostare il manufatto nel tempio, anche dopo averglielo ordinato nel linguaggio che usa Desolas quando parla con loro. Saren continua dicendo che erano disposti ad indossare i mantelli, ma non arriveranno all'ultimo chilometro necessario. Desolas quindi dice che glielo ha spiegato, e che hanno una buona casa per il manufatto. Desolas quindi si gira verso uno dei turian "evoluti" e gli dice che anche se a loro non piace la folla, non ci sarà alcun problema. Quindi dice che il sole sta per tramontare e sposteranno il manufatto dopo il tramonto, una volta che il colonnato sarà libero. Saren si gira verso Desolas, mentre il turian "evoluto" va via, e dice che non gli piace. Essi non li servono e si preoccupano solo del manufatto. Desolas ribatte dicendo che è il motivo per cui sta andando in fondo a tutti i problemi. Vuole che essi lo vedano come un protettore, colui che sta dando al manufatto un posto di rispetto, mentre scopre come controllarli.

Copertina del Numero 3: versione di Quinones
Più tardi quella sera, mentre il manufatto viene spostato, Eva e Jack vengono scortati dietro di esso. Eva commenta su come stia durando un'eternità, proprio come quando l'hanno caricato nella nave su Shanxi. Eva quindi dice a Jack che è stato fortunato ad essere stato in coma in quel momento. Jack dice che non gli importa in quanto stava aspettando una possibilità di vedere Palaven da un po', ed è impressionato. Commenta che anche Desolas era impressionante e, considerando che è stato in grado di liberare un'intera area, deve avere una certa influenza. Eva ribatte dicendo che sta tramando qualcosa e che non si fida di Desolas. Rivolge quindi la sua attenzione sul manufatto e si chiede se sia lì. Jack dice che si trova lì poiché riesce ad avvertirlo nella sua mente. Quindi una voce da dietro dice la stessa cosa, facendo sobbalzare entrambi. Ben si trova dietro di loro e dice che anche Jack è in comunicazione con il manufatto. Jack chiede a Ben se può dirgli altro sul manufatto, poiché Ben ha effettivamente toccato il manufatto, al che Ben risponde dicendo che esso semplicemente è. Continua dicendo che comanda loro di seguirlo e proteggerlo e di prepararsi. Jack dice che anche lui lo sente, ma chiede per cosa si debbano preparare. Prima che Ben possa rispondere, Eva si intromette dicendo a Ben di combattere se è ancora lì, loro possono trovare una soluzione e farlo tornare normale. Ben ammette che non c'è più nulla di normale, alla quale affermazione Harper è d'accordo. Desolas, che ha ascoltato la conversazione, ordina ad uno dei turian di portagli Harper.

Il Tempio di Palaven si erge come reliquia del passato superstizioso dei turian quando i titani attraversarono il loro mondo, per raggiungere le stelle. Il tempio venne sigillato quando i turian scoprirono altre specie tra le stelle ed ora con i veri titani sul pianeta, i turian "evoluti", il Tempio ospiterà l'Arca Monolito, dove potrà essere venerata dai suoi fedeli ed altre parti interessate. Mentre il Monolito viene sollevato, Jack si trova dietro le quinte con Desolas che lo guarda alle sue spalle. Comincia a parlare della Terza legge di Clarke quando ad un certo punto Desolas la cita parola per parola dietro di lui. Continua dicendo che sono solo parole di uno scienziato terrestre che era anche un creatore di miti, come lo sono tutti. Desolas dice quindi che ora possiede un acceleratore dell'evoluzione. Secondo Desolas, per troppo tempo c'è stata una parità tra le specie della Cittadella. Sente che quando una nuova specie può entrare alla pari, sia il momento di cambiare l'equazione portando in vita i miti. Harper dice a Desolas che non sa con cosa ha a che fare, ma Desolas ribatte dicendo che Jack al contrario lo sa e che ciò è il motivo per cui è qui per cominciare. Desolas conclude dicendo che il tempio era una volta un luogo dove i turian parlavano alle loro divinità, e presto sarà di nuovo così.

In un laboratorio segreto, Desolas spiega ad Harper l'allestimento. Ha posizionato il Monolito in un posto d'onore, nella rotonda del Tempio. Ma allo stesso tempo, ha incorporato un certo numero di dispositivi di scansione nella rotonda del tempio per aiutarli a comprendere meglio il dispositivo. Jack fa notare un difetto in quanto si tratta solo di una scansione superficiale e chiede perché non lo portino in laboratorio. Desolas risponde che gli piacerebbe, ma i turian "evoluti" non permetteranno procedure invasive e che i passati tentativi di portare via da loro il manufatto sono risultati solo in più trasformazioni. Continua dicendo che la copertura va bene per le masse, ma serve a ben poco poiché i turian "evoluti" non possono dirgli niente del manufatto, ma Harper può. Dice che sulla Stazione Arcturus ha capito che la reliquia ha cambiato Harper, e che l'ha portata su Illium per vedere se l'avrebbe seguita. Harper sembra avere un legame psichico con il dispositivo che trascende la distanza e ciò che ha sentito dalla conversazione tra lui e Ben lo conferma.

Desolas è curioso di scoprire perché Jack è venuto in contatto con il dispositivo riuscendo però a mantenere la sua identità e la sua mentalità poiché Desolas ha bisogno che i suoi turian facciano lo stesso. Desolas dice a Jack che deve parlare con il manufatto per scoprire come fare, poiché sebbene comprenda la scienza, bisogna rispondere alla magia con il suo proprio linguaggio. Jack fa notare ancora una volta che non sa con cosa ha a che fare e che dietro al Monolito c'è molto più di un semplice salto evolutivo, e che è pericoloso. Desolas non è tuttavia turbato, poiché è esattamente ciò che si aspettava da un sostenitore razziale che ostacola la sua strada e che forse Eva sarà più ragionevole. Jack dice che Eva non sa nulla ed è un tipo tenace, devoto, e non cederà, e non lo farà nemmeno lui. Jack quindi supplica Desolas che in qualità di uomo di scienza, e non di magia, per l'assenza di risultati dovrebbe terminare l'esperimento. Alcuni giorni dopo, una guardia turian va a controllare Jack in una cella di detenzione, la quale ha una visuale sull'esterno e delle scritte su tutto il muro. La guardia esprime frustrazione nei confronti di Desolas per il fatto che abbia pensato di poter apprendere qualcosa di nuovo da Harper in quanto tutto ciò che quest'ultimo fa è stare seduto sulle rocce e stare a guardare. Continua dicendo che le persone che hanno costruito il tempio sono più vivaci, malgrado siano morte da secoli ormai. Harper quindi mette la mano sul mento e dice "ecco tutto". Mentre si alza ripetendolo, Desolas entra con due guardie armate e gli dice che i suoi scienziati gli hanno riferito ciò che Harper non avrebbe detto. Quindi ordina alle guardie di scortare Harper al laboratorio, così da poter condividere i suoi risultati.

Mentre camminano, Desolas spiega che sebbene non possano trovare il meccanismo che lega i "sacerdoti" al Monolito, sanno abbastanza da poter affermare che sono legati ad esso. Egli osserva che il legame è forte, trascendentale, e a causa di esso i "sacerdoti" faranno qualunque cosa per proteggerlo; e se lui porta altri ad esso, faranno qualunque cosa per lui. Jack quindi lo interrompe, dicendo a Desolas che c'è qualcosa che deve sapere. Jack ha appena capito la verità sul Monolito stesso. Tuttavia, Desolas lo liquida dicendo che il tempo per la verità è passato e dice a Jack di osservare il futuro. Dice a Jack di immaginare una legione di turian perfetti. Sono fisicamente perfetti, non hanno bisogno di riposare, e non cederanno mai. Conclude dicendo che il tempo per l'uguaglianza tra le specie è ora passato e che il destino è a portata di mano. E comincia stasera...

Numero 4 Modifica

  • Data di pubblicazione: 20 Aprile 2011
  • Tagline: Chi piangerà... la morte del genere umano?
Copertina del Numero 4: versione di Carnevale
Su Palaven, dei turian si trovano in fila fuori dal Tempio di Palaven mantenendo delle torce in attesa di entrare. Nel frattempo, Jack Harper supplica Saren di ascoltarlo. Harper dice che Desolas non sa cosa ha, ma lui si. Dice a Saren di non far entrare altri turian nel tempio, ma Saren osserva che Jack ha visto ciò che Desolas voleva fargli vedere e ordina di metterlo con Eva piuttosto che riportarlo nella stanza di osservazione. Mentre Jack viene condotto fuori, ceca un'ultima volta di convincere Saren a non proseguire con ciò che Desolas ha pianificato, ma Saren si rifiuta di ascoltare. Saren osserva mentre Jack viene portato via; per lui, essere il fratello di un famoso generale potrebbe essere il percorso giusto per una carriera di successo, ma non ha mai seguito le orme degli altri. Saren ha guadagnato il suo ambito posto tra gli uomini di Desolas da solo. I suoi colleghi hanno continuamente affermato che non c'era situazione che abbia affrontato che non fosse in grado di gestire. Saren non immaginava certo che ne avrebbe trovata una, lavorare per suo fratello.

Nella stanza con il Monolito, che ha al suo interno i "sacerdoti" e diversi turian a terra privi di coscienza, Lagrion, un giovane turian, dice a sua madre che non gli piacciono i "sacerdoti" e che non sembrano a posto, al che sua madre replica dicendogli di essere forte e gli ricorda che se va fino in fondo non moriranno più dei turian in guerra. La madre continua dicendo che Desolas ha promesso qualcosa ma prima che possa finire, i "sacerdoti" trascinano via Lagrion, lanciandolo contro il Monolito. La madre prima chiede cosa stiano facendo, quindi dopo che suo figlio colpisce il manufatto chiede di vederlo, ma nota qualcosa riguardo ai "sacerdoti" e, dopo aver sollevato uno dei loro cappucci, scopre il segreto di Desolas. Quindi viene lanciata contro il Monolito mentre Saren protegge i suoi occhi dall'esplosione di luce.

In un'altra parte del Tempio, Saren si imbatte in Desolas che gli dice di essere giusto in tempo per aiutarlo a ispezionare le truppe. Saren, tuttavia, dice che è prematuro ed i "meta-turian" sono ingenui e non obbediscono agli ordini. Saren dice a Desolas che pensava che suo fratello gli avesse detto che Jack era la chiave per controllarli. Desolas sostiene che Harper non ha detto niente per giorni e quando finalmente ha parlato ha detto sciocchezze. Desolas continua dicendo che è stanco dei suoi giochetti e che i suoi scienziati hanno trovato qualcosa, un legame comportamentale tra il Monolito ed i "meta-turian". Dice a Saren che non sono ingenui, piuttosto sono determinati a proteggere il Monolito, ma anche a creare dei loro simili. Hanno permesso a Desolas di portare il Monolito su Palaven, e lui ha restituito il favore dando loro una fonte di nuove reclute. Desolas commenta che porterà il Monolito in battaglia come suo talismano personale. Con i loro numeri e i loro guerrieri a proteggerlo, abbatterà ogni sfidante, a cominciare dai governanti civili su Palaven, continuando quindi con i loro rivali, uno ad uno. Desolas conclude dicendo che molte specie di insetti hanno guerrieri e operai, ma ora loro avranno entrambi.

Saren dice a Desolas che è preoccupato di dove i suoi "insetti" stiano scavando e che è venuto per dirgli qualcosa. Saren dice che alcuni stavano rovistando nei livelli inferiori del tempio ripulendo le macerie dai livelli crollati. Desolas risponde solo con un "quindi?" Prova a calmare Saren ricordandogli che i "meta-turian" venerano il Monolito e vogliono solo migliorare il suo luogo di riposo. Dice che se Saren vuole inseguire un miraggio, è libero di farlo in quanto Desolas ha cose più importanti da fare. Insoddisfatto dal suggerimento di suo fratello, Saren dice "d'accordo", quindi si gira e se ne va.

In uno dei livelli inferiori, due guardie stanno scortando Jack in una cella, il quale li sta ancora implorando di riportarlo da Desolas prima che sia troppo tardi. Le guardie, tuttavia, dicono che Desolas ne ha abbastanza di lui, così come loro. Proprio in quel momento Eva scende dalla sommità della cella, connettendo con entrambi i piedi sulla testa di uno dei turian. Quindi toglie dalle mani dell'altro la pistola, abbattendolo conseguentemente mentre Jack colpisce il primo con un pugno, mettendolo KO. Mentre raccolgono le armi delle guardie, Eva dice a Jack che è stato gentile da parte sua essersi mostrato poiché stava aspettando di farlo da giorni. Quindi chiede dove si trovi Ben e Jack dice di dubitare che si trovi nella stanza con il Monolito, ma ha visto alcuni "sacerdoti" in fondo al corridoio.

Mentre si fanno strada lungo il corridoio, i due trovano i "sacerdoti" che scavano tra delle macerie. Eva dice che non c'è nessun vero turian che li tiene al guinzaglio, e chiede perché starebbero lavorando senza supervisione. Una voce alle loro spalle dice che è una buona domanda. Saren è lì che punta la sua pistola verso entrambi e fa anche lui una domanda prima di portarli a fare una passeggiata. Jack dice a Saren che Desolas non lo avrebbe ascoltato e che Saren è stato raggirato. Desolas voleva portare il Monolito su Palaven; specificamente in questo tempio. Jack dice che ha letto tutto dalle scritte che si trovano in tutto il tempio. In risposta, Saren commenta che nessuno è stato in grado di leggerli e che nessuno sa perché i loro antenati abbiano costruito il tempio. Jack, tuttavia, insiste dicendo che può leggeri e che comprende i "meta-turian". Dice di sapere cosa è davvero successo lì, e lo sanno anche loro.

Nel momento in cui finisce la loro discussione, le macerie sono stati ripulite ed all'interno c'è un altro Monolito. Saren è preso alla sprovvista dalla scoperta. Jack quindi procede a raccontargli la storia. Gli antichi turian avevano scoperto il secondo Monolito anni fa e come ora, aveva creato dei turian molto forti ed i loro "Sacerdoti Valluviani" della leggenda. Tuttavia, non erano dei santi, così hanno costruito il tempio per proteggere il resto delle specie e dopo che i ricercatori di Desolas hanno trovato il secondo e più piccolo Monolito e sono stati trasformati, hanno percepito che questo era già qui. Jack continua dicendo che presto trasformeranno la specie turian ad un tasso doppio rispetto a quello attuale. Desolas sta procedendo lentamente per evitare una reazione pubblica, ma presto ci saranno troppi "sacerdoti" per preoccuparsene. Quindi sposterà il Monolito nelle piazze delle città in tutto il pianeta e trasformerà con la forza l'intera specie turian.

Saren interrompe Jack prima che fossa finire e gli dice di stare zitto e di lasciarlo pensare. Chiede perché qualcuno farebbe una cosa del genere, e che senso abbia di far progredire una specie sacrificandone l'intelligenza. Jack dice che non lo sa, ma a quel punto arriva Ben che dice di pensare che il Monolito voglia che sia così. Il Monolito ora è a conoscenza dell'umanità a causa sua. Ed ora che ne hanno trovato un secondo, esso vuole che agiscano. Jack conforta Ben dicendo che non è colpa sua, e che la colpa è di chiunque abbia creato i dispositivi. Jack dice di non aver capito la prospettiva, il perché. Eva, tuttavia, si gira verso Saren e gli dice che è meglio che faccia qualcosa al più presto, altrimenti avranno un pianeta di giganti che sbavano e la cosa non si fermerà lì.

Saren dice ad Eva che "è sufficiente" e di smetterla di brontolare. Dice di essere un Arterius, ma ha anche giurato di difendere il suo popolo. Saren quindi prende il suo comunicatore e contatta il Comando di Palaven, dicendogli che sta dichiarando un'emergenza di arma biologica non sicura.

Copertina del Numero 4: versione di Quinones
Nel frattempo, nella parte superiore del tempio, Desolas sta ispezionando le sue truppe e nota che si stanno agitando. Chiede ad una guardia cosa stia succedendo e la guardia risponde che non lo sa; erano tranquilli, poi improvvisamente si sono ribellati. Desolas dice che dal modo in cui camminano stanno andando verso l'esterno, e dice loro che non hanno niente da dover fare lì. Mentre di riportarli nei ranghi, uno di loro stende Desolas, proprio allora Saren arriva con delle truppe armate e ordina che nessuno si muova. Desolas viene ulteriormente lanciato via e ciò è abbastanza per Saren che ordina alle truppe di aprire il fuoco e di non lasciare che nessuno esca fuori. Nel frattempo, Jack sta conducendo fuori Ben ed Eva. Poiché Eva sta portando Ben, Jack ha entrambe le pistole e sta sparando il più veloce che può e chiede loro di aiutarlo in quanto Saren ha bisogno di tutto l'aiuto possibile. Quindi nota che se ne stanno andando ed Eva dice che questo è il combattimento dei turian, non il loro. Jack si precipita per aiutare Eva, ma non può far altro che notare che Ben è solo un peso morto.

Eva dice che il Monolito vuole convincerlo ad unirsi agli altri, ma lei continua a dirgli di reagire. Continua dicendo che c'è speranza se riescono a portarlo in un ospedale umano, allora potrebbero essere in grado di aiutarlo. Jack dice che non crede che Ben possa essere aiutato. Non più. Spiega che ha pensato diverse volte sul perché qualcuno farebbe tutto ciò, ma Eva lo interrompe dicendo a Jack di non pensare per una volta e di ascoltare i suoi sentimenti. Lei non si sta arrendendo e se riescono a portarlo via dai "meta-turian" ciò potrebbe fare la differenza. Ma Jack dice che non c'è un posto abbastanza lontano e che poteva sentirli dalla Stazione Arcturus. Eva osserva che c'è una cosa che non hanno ancora provato. Prima che Jack possa chiedere cosa sia, lei afferra una delle pistole di Jack, punta verso il Monolito e spara.

Ben le dice subito di non farlo ma prima che Eva possa sentirlo, preme il grilletto e lui si lancia verso di lei nonostante Jack gli abbia detto di non farlo e la scaglia verso un muro, lasciando molto sangue attorno alla testa. Ben cade a terra chiedendo cosa ha appena fatto, e Desolas entra dicendogli che ha fatto esattamente ciò che doveva, proteggere il Monolito, e che lui potrebbe essere l'unica persona lì che fa ciò che gli viene detto. Desolas quindi si gira verso Saren, anch'esso entrato nella stanza, e mostra il suo stupore verso questa tecnologia. I colpi di Eva non hanno nemmeno graffiato il Monolito e probabilmente per fare ciò sarebbe stato necessario un bombardamento orbitale. Saren dice a Desolas che devono andare via da lì poiché il tempio non è sicuro e che ha richiesto aiuto dall'esterno. Prima che possa finire, Desolas gli dice che non ha senso poiché stanno calmando i "meta-turian" e dice a Saren di richiamare le forze all'esterno. Continua dicendo che può ancora avere successo; ha solo bisogno di sistemare l'esperimento.

Jack, che ora si trova alle spalle di Desolas, gli dice che non funzionerà né ora né mai. Ben è in un angolo, cullando il corpo privo di sensi di Eva, dicendo che non può combatterlo. Desolas punta una pistola verso Jack, ricordandogli che ne ha abbastanza di lui e che avrebbe dovuto fare molto tempo prima ciò che è in procinto di fare. Ben quindi dice che è inevitabile e carica Desolas, scaraventandolo contro il Monolito insieme a se stesso. Saren riesce a tirare via suo fratello dal Monolito, lasciando morire Ben folgorato.

Tempo dopo, Jack prende Eva e le dice che gli dispiace. Il Monolito, nonostante ciò che gli abbia dato, gli ha fatto inavvertitamente perdere di vista ciò che conta davvero. Poco dopo, Eva riprende coscienza e gli chiede se sia Ben, ma Jack gli dice che è lui. Eva dice a Jack di lasciarla, poiché a questo punto è esausta, e di andare a salvare Ben. Jack dice ad Eva che Ben li ha salvati tutti mentre faceva ciò che voleva il Monolito, dargli un'altra vittima, e ha assicurato che Desolas non facesse più vittime. Dice che il Monolito non era un dispositivo evolutivo, ma piuttosto un dispositivo involutivo, una trappola. I suoi creatori hanno posizionato il dispositivo per avvertirli quando sarebbe stata rilevata una specie avanzata, e trasformare i suoi membri in quelle "cose" in modo da poterli controllare. Mentre Jack esce, nota Saren che si sta rialzando e gli dice di avvertire il suo popolo e che non potrà essere in giro per vedere il risultato anche se gli piacerebbe, ma deve prendersi cura del suo di popolo.

Più tardi, mentre Desolas è di nuovo in piedi, Saren cerca di comunicare con lui. Desolas gli chiede dove sia, e lui risponde dicendo che è proprio dietro di lui, anche se si tratta di un semplice dispositivo di comunicazione. Dice a Desolas che sta chiamando da una distanza di sicurezza e che è dispiaciuto di non poter essere lì, ma Desolas capirà subito. Desolas dice che non capisce molto e sente che la sua mente se ne sta andando. Saren gli dice che è così che funziona. Saren dice che non sa perché non è stato alterato dal manufatto, ma suppone che abbia a che fare con il contatto indiretto. Saren continua dicendo che indipendentemente dai motivi, doveva agire mentre Desolas era ancora dentro con i "meta-turian" ed i Monoliti per proteggere il popolo turian, così come lui avrebbe voluto. Confuso, Desolas chiede a Saren di cosa stia parlando. Saren risponde dicendogli nuovamente che gli dispiace ma ha un dovere verso Palaven, così come lui, ma alcuni segreti sono fatti per restare sepolti, finché i turian non saranno pronti per comprenderli. Saren dice a Desolas che lo commemorerà e lo vendicherà. Proprio in quel momento il tempio esplode in una palla di fuoco con una folla di turian esultanti in primo piano.

Sulla Stazione Arcturus, da un altoparlante viene detto che a malincuore riporta le morti di Ben Hislop ed Eva Coré. Continua dicendo che hanno dato le loro vite in difesa dell'umanità fino all'ultimo minuto e che non solo hanno aiutato a scoprire, ma anche a confermare ciò in cui la persona che sta parlando crede, che ci sia qualcosa là fuori da cui proteggere l'umanità. Nel frattempo, un'altra persona è seduta su una sedia mentre effettua una registrazione. Dice che Desolas aveva ragione, che le stelle sembrano calde ed invitanti, piene di posti da esplorare, conoscenza e ricchezza da ottenere. Tuttavia, gli umani non saranno sempre i benvenuti, e coloro che si sono evoluti prima di loro non saranno sempre disposti a condividere ciò che sanno. Questa è la natura dell'universo. Jack osserva che un periodo buio si sta avvicinando e l'umanità sarà messa alla prova e anche se non conoscono chi sta effettuando la prova o perché, devono affrontare la sfida come l'umanità ha fatto ogni volta nel passato. L'umanità deve avere successo perché qualsiasi altro risultato sarebbe inumano. Jack dice che guarderà nei luoghi oscuri e li porterà alla luce. Jack dice che non c'è magia, solo tecnologia e strumenti che possono e devono padroneggiare. Non solo per sopravvivere, ma per migliorare l'umanità. L'umanità può avere e avrà il giusto posto nelle stelle. Questo è il suo manifesto, e spera che si uniranno alla sua causa. Jack termina il messaggio e prende il suo posto come Uomo Misterioso, il leader di Cerberus.

Riferimenti Modifica

  1. http://comics.ign.com/articles/110/1106020p1.html
  2. http://www.darkhorse.com/Books/17-567/Mass-Effect-Volume-2-Evolution-TPB

Link Esterni Modifica

Serie di Mass Effect
Giochi Mass Effect (CE, ) • Mass Effect 2 (CE, ) • Mass Effect 3 (CE, , Multiplayer) • Trilogy
Mass Effect: Andromeda
Giochi per cellulare e app Mass Effect GalaxyMass Effect: InfiltratorMass Effect 3: DatapadAPEX HQ
DLC Mass EffectMass Effect 2Mass Effect 3
Libri RevelationAscensionRetributionDeceptionNexus UprisingAnnihilationInitiation
Fumetti RedemptionEvolutionInvasionHomeworldsFoundationIncursionInquisition
ConvictionBlasto: Eternity is ForeverHe Who Laughs BestLibrary EditionDiscovery
Film Paragon Lost () • Mass Effect

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale